I rappresentanti dei governi degli Stati membri dell'Unione europea hanno nominato oggi dieci giudici e un avvocato generale della Corte di giustizia dell'Unione europea: due giudici e un avvocato generale della Corte di giustizia, i giudici Christopher Vajda e Niilo Jaaskinen e l'avvocato Priit Pikamae, e otto giudici del tribunale, Mariyana Kancheva, Alexander Kornezov, Ste'phane Gervasoni, Inga Reine, Ulf Oberg, Fredrik Schalin, Laurent Truchot e Mirela Stancu. Lo ha reso noto il Consiglio dell'Ue. Nell'ambito del rinnovo parziale del 2018 della composizione della Corte di giustizia, lo scorso 6 ottobre è scaduto il mandato di 14 giudici e di cinque avvocati generali. Christopher Vajda (Regno Unito) è stato riconfermato giudice della Corte di giustizia e il suo mandato scade il 6 ottobre 2024 o in concomitanza con l'uscita del Regno Unito dall'Ue. Priit Pikamae (Estonia) è stato nominato per la prima volta avvocato generale e il suo mandato entra in vigore oggi fino al 6 ottobre 2024. Allan Rosas (Finlandia) ha dato le dimissioni da giudice della Corte di giustizia dal 7 ottobre 2019 e, al suo posto, i governi degli Stati membri hanno nominato Niilo Jaaskinen (Finlandia) per la restante durata del mandato, vale a dire fino al 6 ottobre 2021.

Nell'ambito del rinnovo parziale della composizione del tribunale, che ha luogo ogni tre anni, il 31 agosto 2019 scadrà il mandato di 23 giudici. In tale contesto, sei giudici sono stati riconfermati per un mandato di sei anni a decorrere dal primo settembre 2019: Mariyana Kancheva (Bulgaria), Alexander Kornezov (Bulgaria), Stèphane Gervasoni (Francia), Inga Reine (Lettonia), Ulf Oberg (Svezia), Fredrik Schalin (Svezia). Nell'ambito della terza fase della riforma del tribunale, anche Laurent Truchot (Francia) e Mirela Stancu (Romania) sono stati nominati giudici a partire dal primo settembre 2019. Il mandato di Truchot terminerà il 31 agosto 2025, mentre il mandato di Stancu terminerà il 31 agosto 2022, si tratta di un mandato più breve di quello degli altri giudici, in quanto è tra i giudici che sono stati o saranno nominati per tre anni in maniera tale da allineare la scadenza del mandato a quella dell'altro giudice dello stesso Stato membro.

Varie altre nomine alla Corte di giustizia e al Tribunale sono previste nel corso dell'anno corrente. Un giudice (Austria) deve ancora essere nominato per completare il rinnovo parziale del 2018 della composizione della Corte di giustizia. Per quanto riguarda il Tribunale, devono essere nominati 17 giudici a completamento del rinnovo parziale del 2019. Sette giudici devono ugualmente essere nominati per completare la terza fase della riforma del Tribunale. La Corte di giustizia dell'Unione europea si compone di due corti: la Corte di giustizia e il tribunale. Della Corte di giustizia fanno parte un giudice per Stato membro e undici avvocati generali. Il Tribunale sarà composto da due giudici per Stato membro dopo il completamento della terza fase di riforma. I giudici e gli avvocati generali sono nominati di comune accordo dai governi degli Stati membri, dopo la consultazione di un comitato che ha l'incarico di fornire un parere sull'adeguatezza dei potenziali candidati all'esercizio delle relative funzioni. Sono scelti tra persone che offrano tutte le garanzie di indipendenza e che riuniscano le condizioni richieste per l'esercizio, nei rispettivi paesi, delle più alte funzioni giurisdizionali, ovvero che siano giureconsulti di notoria competenza.