Ambiente Today

Fridays for Future, in piazza per chiedere pace e giustizia climatica

Scritto da vocealta

Oggi 25 marzo è il giorno dello sciopero globale per il clima dei Fridays for future con lo slogan “People not profit” (Persone, non profitti).

Ragazze e ragazzi in tutto il mondo sono in strada per sensibilizzare le persone sull’emergenza climatica, chiedendo pace e giustizia climatica in un momento drammatico in cui una guerra incombe alle porte dell’Europa.

In piazza si trovano anche gli attivisti ucraini che sono riusciti a lasciare il Paese. Come Ilyess El Kortbi che afferma: «Di solito scioperavo per il clima in Ucraina. Ma questo venerdì sciopero in Germania, i cui leader finanziano la guerra a casa mia. L’Unione Europea ha pagato finora 15 miliardi di euro per combustibili fossili da Putin dall’inizio della guerra in Ucraina».

Sono ben 679 i cortei previsti, dalla Svezia di Greta Thunberg all’Uganda di Vanessa Nakate, passando per Stati Uniti. In Italia sono 78: da Udine a Palermo, passando per Alessandria, Schio, Vicenza Siena, Torino, Taranto, Rimini, Sanremo, Salerno e Reggio Calabria.

«Torniamo in piazza per la giustizia climatica e ambientale, contro ogni guerra e contro la crisi climatica – scrive in una nota il movimento – scendiamo nelle piazze di tutto il mondo poiché crediamo che il capitalismo sia il filo rosso che tiene insieme pandemie, guerre e crisi climatica. Questo modello di sviluppo capitalistico estrattivista ed ecocida non fa altro che dividerci mentre continua ad avvelenare e devastare i nostri territori».

Gli attivisti dell’onda verde rivendicano la necessità di un futuro legato alle rinnovabili e non più a gas e petrolio per mettere fine alle guerre legate ai combustibili fossili, come quella in Ucraina. Il loro obiettivo è di pretendere una transizione ecologica.
Chiedono inoltre risarcimenti climatici da parte dei Paesi del Nord del mondo verso le popolazioni più colpite dai disastri della crisi climatica.

Riguardo l'autore

vocealta

Scrivi un commento