John Durham «è uno dei più rispettati uomini di legge del Paese». Così il presidente Usa Donald Trump, a margine dell'incontro con il premier italiano Giuseppe Conte, torna a parlare del procuratore del Connecticut, incaricato dal ministro della Giustizia William Barr di condurre l'indagine sulla genesi del Russiagate. Barr e Durham nell'ambito dell'indagine, sono stati in visita a Roma in due occasioni, il 15 agosto e il 27 settembre, per incontrare i vertici dell'intelligence italiana.

L'audizione con i costituzionalisti con cui la Commissione Giustizia avvia oggi la nuova fase dell'impeachment è «una buffonata» ha detto ancora Trump. «L'ho visto ed è una buffonata, tutti lo dicono», ha affermato sostenendo che è «un parere abbastanza diffuso che quello che stanno facendo è molto negativo per il nostro Paese», riferendosi ai democratici. Tanto che i sondaggi e l'unità dei repubblicani sarebbero alle stelle: «Non ho mai visto una cosa del genere», ha detto affermando di essere lui personalmente «molto in alto nei sondaggi» nei stati chiave per le presidenziali. I democratici subiranno «tremende sconfitte» nel 2020, ha concluso Trump che poi - parlando sempre di fronte al premier italiano Giuseppe Conte - ha attaccato la Speaker Nancy Pelosi, chiamandola «Nervous Nancy», perché starebbe ritardando l'approvazione del «più grande accordo di tutti», il nuovo Nafta, chiamato Usmca, con Messico e Canada.

Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump, ha intanto dichiarato che in base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment.