Giustizia Quotidiana

Tortura, Strasburgo all’Italia: «Falle nella legge, rischio impunità»

Scritto da administrator

Il commissario ai Diritti Umani del Consiglio d'Europa Nils Muižnieks ha scritto una lettera al Parlamento italiano impegnato nella discussione della legge che vuole introdurra nel nostro paese il reato di tortura.
Il commissario ha sollecitato il Legislatore italiano a modificare la proposta di legge per rendere le misure in linea con «gli standard internazionali in materia di diritti umani». Alcuni passaggi della normativa attualmente in discussione, secondo Muižnieks, «destano preoccupazione, perché alcuni aspetti sembrano non essere in linea con la giurisprudenza della Corte e con le raccomandazioni degli organismi specializzati del Consiglio d'Europa e delle Nazioni Unite».

A destare particolare preoccupazione è la definizione stessa di «tortura» contenuta nella proposta di legge attualmente in Parlamento che «potrebbe avere come risultato, in determinate circostanze, che certi casi di tortura o di trattamenti o punizioni inumani o degradanti rimangano senza conseguenze, e, quindi, creare potenziali falle che comporterebbero l'impunità dei responsabili».

 

 

 

 

 

 

 

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento