Il Rapporto Annuale SIPROIMI/SAI riferito al 2020, presentato oggi da Anci e Ministero dell'Interno in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, offre una fotografia delle persone che hanno beneficiato del sistema di accoglienza e integrazione. Dei 37.372 beneficiari dello scorso anno il 94,6% ha meno di 40 anni, con prevalenza della fascia di età compresa tra 18 e 25 anni (41,9%). Le persone tra i 26 e i 40 anni sono il 33,7% del totale, mentre i 7.106 minori accolti rappresentano il 19% del totale.

Gli uomini singoli e in giovane età sono ancora i più rappresentati tra i beneficiari della rete, ma la percentuale di donne che arrivano in Italia, spesso da sole, in cerca di protezione - si sottolinea nel Rapporto - è in progressiva crescita e l'incidenza sul totale degli accolti è del 20,8%. Le 7.761 donne provengono principalmente da Nigeria, Costa d'Avorio, Siria e Somalia. Quanto al titolo di soggiorno nel 2020 i beneficiari accolti erano per il 45,7% titolari di protezione internazionale (27% con permesso per status di rifugiato e 18,7% titolari di protezione sussidiaria). Dei 5.680 minori stranieri non accompagnati accolti nel 2020 il 97,3% sono giovani maschi provenienti principalmente da Bangladesh, Albania, Tunisia Egitto, Pakistan e Gambia.

Nel corso del 2020 si è ampliata la disponibilità di posti SAI/SIPROIMI dedicati all'accoglienza di minori stranieri non accompagnati, arrivando al 31 dicembre scorso ad un numero complessivo di 148 progetti dedicati per un totale di 4.437 posti. In tale computo - si specifica nel rapporto - sono inclusi anche i progetti di seconda accoglienza finanziati dal Fondo FAMI 2014-2020 e che includono posti dedicati specificatamente all'accoglienza di minori con particolari fragilità quali disagio psichico, vulnerabilità sanitarie, problemi di tratta. L'incremento dei posti dedicati alla specifica accoglienza dei MSNA, passati dai 3.180 posti nel 2017 ai 4.437 per il 2020 sono quindi il frutto sia dell'ingresso di nuovi progetti finanziati sia dell'ampliamento della capienza di progetti già finanziati.