Ambiente

Legambiente all’Isola d’Elba: «Fate come le Tremiti, dite addio alla plastica monouso»

Scritto da administrator

Le Isole Tremiti dai primo maggio hanno vietato l’utilizzo di tutte le stoviglie di plastica, bicchieri, contenitori monouso e bicchierini per la birra e il caffè. Alle Tremiti saranno in vendita solo materiali biodegradabili che Legambiente Arcipelago Toscano e pochi altri usano con successo all’Elba da diversi anni. Questa notizia ha conquistato tutte le pagine nazionali in quanto Legambiente da tempo rivolgeva questa richiesta ai sindaci dei Comuni elbani. Secondo il sindaco delle Isole Tremiti Antonio Fentini, l'esempio virtuoso della Puglia potrebbe presto riguardare altre isole italiane. L’associazione ha dichiarato che, «mentre alle Tremiti si pensa al futuro e a eliminare le bottiglie di plastica, all’Elba chi imbottigliava l’acqua solo in vetro ha deciso di entrare nel passato e di imbottigliare in plastica. Intanto nessuno sa che fine hanno fatto gli impegni presi solennemente nel 2012 con il progetto “Elba Plastic Free” da Provincia di Livorno, Comuni dell’Isola d’Elba, Esa, Asa, Autorità portuale, Associazioni di categoria del commercio e del turismo, Ente parco dell’Arcipelago Toscana».  Questo progetto prevedevala «riduzione della produzione dei rifiuti all’Isola d’Elba, con particolare riferimento agli imballaggi in plastica (bottiglie e buste), attraverso l’attuazione di alcune azioni dimostrative» e Legambiente si chiede che fine abbia fatto «lo specifico protocollo d’intesa sottoscritto da Comuni, Provincia e Parco il 23 maggio 2012  per l’attuazione delle tre azioni pilota di progetto».

La dorsale toscana dell'associazione ambientalista ricorda che nei prossimi giorni verrà presentato un decalogo dei ragazzi delle scuole superiori elbane riguardo la possibilità di trasformare in Ecofeste l’iniziativa intrapresa dall’Elba utilizzando stoviglie biodegradabili e chiedendo ai «sindaci elbani e al Parco Nazionale di prendere la testa del movimento per salvare il mare a cominciare dai suoi luoghi più fragili ed esposti: le Isole».

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento