Plaisir de vivre

La magia Disney di Aladdin torna sul grande schermo in live motion

Scritto da administrator

Grande debutto nelle sale cinematografiche americane per il remake di Aladdin della Disney, che incassa più di 86 milioni di dollari nel weekend e ottiene il primato nel box office USA, davanti a titoli già usciti (come Avengers Endgame o Pokemon Detective Pikachu) e alla saga John Wick – Parabellum, secondo in classifica.

Il nuovo live action diretto da Guy Ritchie è un remake del celebre cartone animato del 1992, divenuto non solo uno dei grandi classici della Disney ma un autentico cult, e non solo per l’animazione.

Per poter scegliere gli interpreti sono stati necessari oltre 2000 provini con attori provenienti da ogni parte del mondo e rigorosamente di origini mediorientali o indiane, aprendo la strada al canadese Mena Massoud (di origine egiziane) nel ruolo di Aladdin, all’inglese Naomi Scott (di origine indiane) nel ruolo della principessa Jasmine e all’olandese Marwan Kenzari (di origine tunisine) nel ruolo del gran visir Jafar, mentre per il ruolo del Genio della Lampada, interpretato dall’energico Will Smith, era stato pensato inizialmente a Jim Carrey, ma la grande stella canadese ha dovuto declinare la firma a seguito della scomparsa della compagna Cahriona White. Curiosamente, Mena Massoud per poter interpretare l’agile Aladdin ha dovuto imparare ad immergersi sott’acqua trattenendo a lungo il respiro per alcune scene, oltre a cavalcare cammelli e fare da giocoliere. Oltre agli attori già citati, il ruolo del Sultano è stato interpretato dallo statunitense Navid Negahban (di origini persiane), celebre attore già apparso in numerose serie (Law & Order, 24, Criminal Minds, Lost, CSI…) 

Per il doppiaggio canoro italiano si segnalano le intepretazioni canore di Marco Manca (per il Genio) e Naomi Rivieccio (per Jasmine, finalista dell’ultima edizione di X Factor).

Numerosi gli effetti speciali. Will Smith ha dovuto girare più di una volta le scene, sul set e in motion capture, per poter diventare “blu”. Completamente in digitale alcuni dei personaggi più curiosi della serie, come la scimmietta Abu, il pappagallo Iago, la tigre Rajah e il Tappeto. Proprio la scena del tappeto volante, una delle scene più romantiche della storia del cinema d’animazione, è stato girato su materassino di schiuma con dispositivi appuntiti sopra una piattaforma idraulica davanti al blue screen con gli attori legati alle caviglie; una scena decisamente scomoda.

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento