Economia

Istat: il 12,1% del Pil proviene dall’economia sommersa per 211 miliardi di euro

Scritto da administrator

L’Istat presenta nell’ultimo rapporto le stime sull’economia sommersa. Il settore non osservato equivale in Italia, nel 2017, al 12,1% del Pil, ovvero 211 miliardi di euro. Di questa fetta, 192 miliardi sono parte dell’effettiva economia non dichiarata, mentre “solo” 19 miliardi provengono da attività illegali. Tuttavia, per quanto i dati siano elevati, si continua a registrare una riduzione dell’incidenza sul Pil dopo il picco del 13% raggiunto nel 2014.

Il report presenta nel dettaglio le singole voci di “entrate e uscite” dall’ombra. Anzitutto rispetto al 2016 si registra un aumento dell1,5%, quando si era giunti a 207,7 miliardi, ma registrando una dinamica più lenta rispetto al complesso del valore aggiunto in aumento del 2,3%.

Si riduce l’incidenza dell’economia sul Pil, che scende al 12,1% contro il 12,2% precedente, a seguito della riduzione del peso della componente riferibile al sommerso economico (dal 11,2% al 11,1%), raggiungendo la stessa percentuale dell’economia illegale, rimasta stabile dal 2016 al 2017.

Per quanto riguarda la composizione dell’economia non osservata, il 46,1% proviene dalla correzione della sotto-dichiarazione del valore (+0,3% sul 2016), l’impiego di lavoro irregolare il 37,3% (in calo, -0,5% che conferma il trand dal 2014, quando si raggiunse il 38,2%), l’incidenza di altre componenti, come mance, fitti in nero, integrazioni domanda-offerta arrivano invece al 7,6%. Crescono invece le attività illegali, che raggiungono il 9%.

Le unità di lavoro irregolari nel 2017 sono 3 milioni e 700 mila, in crescita di 25 mila unità rispetto al 2016. L'incidenza del lavoro irregolare è più elevata nel comparto degli altri servizi alle persone (47,7%) dove la domanda di prestazione lavorative non regolari da parte delle famiglie è rilevante, seguita subito dopo dalla presenza di lavoratori irregolari in agricoltura (18,4%), costruzioni (17%), nel settore dei servizi (16,8%), in commercio, trasporti, alloggi e ristorazione (15,8%). Nel comparto commercio è impiegato il 61% dei lavoratori non regolari, mentre risulta ristretta nel comparto di produzione di beni alimentari e di consumo (9,3%) e industria (7,6%). In agricoltura però il dato risulta essere superiore di 5 volte rispetto alle unità di lavoro dipendente (38,3% contro 7,8%), ed il doppio nel comparto di servizi alle imprese, istruzione, sanità, assistenza sociale.

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento