Plaisir de vivre

Duomo di Milano: oggi un grande concerto gratuito

Scritto da administrator

Il Duomo di Milano spalanca nuovamente le proprie porte per una straordinaria serata che rivestirà di note le alte navate gotiche della Cattedrale. Un’iniziativa divenuta ormai un classico delle proposte culturali milanesi in vista delle festività pasquali, grazie alla collaborazione tra Veneranda Fabbrica del Duomo e Comune di Milano.


Torna in Duomo la Passione secondo Matteo di Johann Sebastian Bach (Matthäuspassion) per soli, coro e orchestra, oggi alle ore 19.30, con ingresso libero fino a esaurimento posti a partire dalle ore 18.45, con l’Ensemble laBarocca, l’Ensemble vocale laBarocca ed il Coro di Voci bianche de la Verdi, diretti rispettivamente da Ruben Jais, Gianluca Capuano e Maria Teresa Tramontin.

 

Un cast internazionale di specialisti del genere completa le formazioni in scena: Bernhard Berchtold (Evangelista), Céline Scheen (Soprano), Nicholas Tamagna (Alto), Patrick Reiter (Tenore), Marco Saccardin (Baritono), Lukáš Zeman e Martin Hässler (Basso), Cristiano Contadin (viola da gamba).


Proposta al pubblico per la prima volta nel 1727 a Lipsia, nella chiesa di San Tommaso, proprio in occasione del venerdì santo, la trasposizione musicale dei capitoli 26 e 27 del Vangelo secondo Matteo, su libretto del poeta Picander, dopo la morte di J. S. Bach non fu più rappresentata.


Nella primavera del 1829, in una Berlino da tempo pervasa dai fuochi romantici, Felix Mendelssohn ebbe il merito di far rappresentare per la prima volta la composizione all’epoca sconosciuta, che risvegliò immensi entusiasmi nel pubblico e negli appassionati. Dopo centoventi anni da quella memorabile rinascita, la composizione non ha mai smesso di entusiasmare il mondo musicale per la sua profondità musicale e irraggiungibile intensità drammatica.


Ieri sera in Auditorium, si è tenuta la tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto in collaborazione con la Veneranda Fabbrica del Duomo, relatori Mons. Gianantonio Borgonovo e Laura Nicora.

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento