Giustizia Quotidiana

Condanne per 5 secoli ai “baby boss” della Camorra

Scritto da administrator

Durissima sentenza della Corte d’appello del Tribunale di Napoli che ha combinato pene per un totale di cinque secoli ai boss dei clan delle zone di Forcella e dei Decumani protagonisti della “paranza dei bambini”. Tra i condannati risultano anche bambini di 6, 7 e 8 anni. Con il termine “paranza” si intende l’utilizzo, da parte della Camorra, di bambini per la vendita e il controllo delle piazze di spaccio e per commettere reati efferati.

I due clan, entrati in conflitto per il controllo di una parte del centro di Napoli si sono attaccati per mesi a suon di agguati, omicidi e “stese” (raid con colpi d’arma da fuoco sparati in aria per intimidire i rivali).

Le famiglie condannate sono quelle dei Giuliano, che negli anni Ottanta fecero la guerra a Raffaele Cutolo, e quella dei Mazzarella, che, provenienti dalle periferie napoletane, rivendicavano un posto nel centro città.

Le condanne inflitte dai giudici vanno dai 6 ai 16 anni per tutti e 42 gli imputati a processo. Tra questi ricordiamo Salvatore Amirante a 8 anni, Ciro Brunetti a 12 anni, Manuel Brunetti a 16 anni, Salvatore Cedola a 16 anni. A questi si aggiungono tutti i “baby boss”: Antonio Giuliano a 16 anni, Cristiano Giuliano a 7 anni, Daniele Giuliano a 6 anni, Giuseppe Giuliano a 12 anni, Guglielmo Giuliano (classe 1991) a 14 anni, Guglielmo Giuliano (classe 1994) a 11 anni, Luigi Giuliano Junior a 14 anni, Manuel Giuliano a 14 anni e la loro mamma, Carmela De Rosa, a 6 anni.

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento