Salute

Combattere lo stress e migliorare le performance: psicologo online per lavoratori delle banche, delle assicurazioni e della finanza

Scritto da vocealta

Accordo tra la First Cisl e la piattaforma Sygmund del docente padovano Alessandro De Carlo. Prima esperienza in Italia.

Le rilevazioni più recenti sui livelli di ansia e stress ne dimostrano un aumento diffuso nella popolazione e tra I lavoratori. Nasce in questo contesto l’accordo, primo in Italia, tra la piattaforma di sostegno piscologico online Sygmund e la First Cisl, il sindacato dei lavoratori delle banche, delle assicurazioni, della finanza, della riscossione e delle authority. Sygmund è stata ideata dal professor Alessandro De Carlo che insegna psicologia del lavoro all’Università di Padova.

Il sindacato offrirà così ai propri iscritti un servizio di counseling psicologico tramite la piattaforma che raduna centinaia di psicologi che garantiscono un servizio 24 ore su 24 e sette giorni su sette. L’accordo è stato presentato a Milano con introduzione del Segretario Generale Riccardo Colombani e le conclusioni di Mauro Fanan – Responsabile Settore Alte Professionalità e Dirigenti.

Circa metà dei lavoratori europei, secondo l’Agenzia europea per la salute e la sicurezza del lavoro, considera lo stress comune nei luoghi di lavoro e ad esso è dovuta quasi la metà di tutte le giornate lavorative perse. Tra le cause più frequenti di stress legato al lavoro figurano i processi di riorganizzazione aziendale oppure l’insicurezza del lavoro, le lunghe ore lavorative oppure l’eccessivo carico di lavoro nonché le molestie e la violenza sul lavoro. Oggi si aggiunge lo smart working, che ha cambiato le abitudini e le prospettive di moltissimi lavoratori.

«Sygmund è una piattaforma online per il supporto psicologico delle persone che sentono la necessità di avere un aiuto. Con un click in pochi piccoli passaggi ci si collega con un professionista iscritto all’albo e in continua formazione» ha dichiarato il professor Alessandro De Carlo, fondatore di Sygmund e docente di psicologia del lavoro presso l’Università di Padova. «La tecnologia sta consentendo di superare un retaggio che la psicologia si portava dietro da troppi anni e cioè quello di essere una cosa di cui, spesso, vergognarsi e poi di non essere di facile accesso.

Chi si rivolge a Sygmund non è malato ma ha semplicemente bisogno di essere supportato in un particolare momento della propria vita o per superare problemi contingenti. La pandemia, con tutte le paure e le incertezze che l’hanno accompagnata, ha purtroppo peggiorato gli stati d’ansia e conseguentemente lo stress delle persone e dei lavoratori. Lo dicono i dati e le statistiche raccolte in questi mesi sia per quanto riguarda gli smartworker che per coloro che hanno continuato a lavorare in presenza».

Da anni c’è un’evidenza che lo stress per chi lavora in banca stia crescendo in misura preoccupante. La complessità delle procedure e la mole sempre crescente delle norme da applicare, con le connesse responsabilità che ciò comporta, sia in sede disciplinare che sotto il profilo civile e penale, costituiscono un elemento oggettivo di tensione. Va considerato poi che la pandemia ha acuito le difficoltà esistenti e ne ha create di nuove, alle quali in molti casi eravamo del tutto impreparati.

«La scelta fatta da First Cisl – afferma il professor De Carlo – è un passo importantissimo nella direzione giusta con la decisione di supportare i lavoratori e i loro famigliari e fornire loro la possibilità di accedere a un supporto psicologico concreto. Il sindacato  ha di fatto anticipato la scelta che molti operatori del mondo economico stanno compiendo. Le aziende – conclude De Carlo – hanno capito che il benessere psicologico e fisico dei propri collaboratori garantisce una risoluzione più veloce dei problemi e performance migliori».

 

Riguardo l'autore

vocealta

Scrivi un commento