Plaisir de vivre

Arriva la moneta da 5 euro per celebrare la Vespa

Scritto da administrator

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha coniato una moneta da 5 euro per celebrare la storica Vespa. La moneta è stata realizzata da Il Poligrafico e Zecca dello Stato, è in argento ed è possibile sceglierla in tre colori diversi, verde, bianco e rosso.

 

Ispirata al tricolore della bandiera italiana, la moneta entrerà a far parte della “Serie Eccellenze Italiane” della Collezione Numistatica 2019. Artista dell’opera è Maria Carmela Colaneri, sotto la supervisione delle Officine della Zecca di Roma.


L’opera vede protagonista la Vespa e ritrae sul dritto un ragazzo e una ragazza seduti su un modello moderno dello scooter firmato Piaggio. Sullo sfondo è ritratto il Colosseo, mentre l’intera figura è sovrastata dalla scritta “Repubblica Italiana”. Il rovescio invece è occupato da una composizione grafica del profilo e del fronte della Vespa del 1946, la prima versione, con elementi Piaggio.


Le monete dedicate alla Vespa sono tutte in versione “Fior di Conioe hanno tirature differenti. La moneta verde ha una tiratura di 3000 pezzi, mentre quella bianca e quella rossa hanno ciascuna una tiratura di 7000 pezzi. Sarà disponibile anche, con una tiratura di 1000 pezzi, il set completo delle tre monete, a formare la bandiera italiana.


Le monete potranno essere acquistate sul sito dedicato della Zecca di Stato, e verranno esposte dal vivo nell’area numismatica della Biblioteca del Dipartimenti del Tesoro, presso il Ministero dell’Economia di via XX Settembre, visitabile su richiesta.


La moneta arriva a 73 anni dalla prima presentazione del modello di scooter firmato Piaggio, brevettato il 23 aprile 1946. A seguire il progetto era stato Corradino D’Ascanio, ingegnere aeronautico che addirittura “detestava le motociclette”,allora inconsapevole di aver creato un oggetto che sarebbe diventato parte della cultura italiana, simbolo dello Stivale anche a livello internazionale.

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento