In primo piano

Antonio Tajani è il nuovo presidente del Parlamento europeo

TAJANI
Scritto da Super User

TAJANIAntonio Tajani, del Partito popolare europeo, ieri, 17 gennaio 2017, è stato eletto presidente del Parlamento Ue con 351 voti dall’Assemblea di Strasburgo, contro i 282 ottenuti dal candidato socialista Gianni Pittella, dopo la quarta e ultima votazione.

Applausi, abbracci e strette di mano degli eurodeputati in aula a Strasburgo all’indirizzo di Antonio Tajani, subito dopo l’elezione. Lungo abbraccio anche con l’avversario Pittella.

L’eurodeputato di Fi è riuscito a prevalere anche grazie all’accordo di cooperazione tra i gruppi Ppe e Alde che ha portato al ritiro della candidatura del candidato liberale dell’Alde Guy Verhofstadt. “L’Europa è in crisi – si legge nel testo dell’accordo – una coalizione pro europea è necessaria. Per questo Ppe e Alde, al di là delle loro differenze ideologiche, hanno deciso di lavorare insieme strettamente e offrire una piattaforma comune come punto di partenza per questa cooperazione pro europea”.

Queste le sue prime parole da neo presidente: “Ringrazio tutti anche, chi ha votato per gli altri candidati in questo grande confronto democratico: sarò il presidente di tutti, rispetterò tutti i deputati di tutti i gruppi politici. Voglio dedicare questo risultato alle vittime del terremoto che ha colpito il mio paese, che stanno ancora vivendo momenti di grande difficoltà, perché fa molto freddo; a loro va il messaggio di solidarietà di questo Parlamento, come a tutte le vittime del terrorismo. Grazie a tutti per aver partecipato a questa grande competizione democratica, manterrò tutte le promesse fatte“.

Lo sconfitto Pittella si congratula con l’avversario ma aggiunge anche: “Si apre una nuova pagina storica, il panorama politico del parlamento europeo è cambiato in modo drammatico con la nascita di un nuovo blocco conservatore“.

“Per l’Italia è molto importante: un successo. E’ un grande risultato ed è anche un modo per il nostro Paese di contribuire in maniera ancora più incisiva al processo di integrazione europea“. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

 

Chi è Antonio Tajani

Antonio Tajani 63 anni,originario di Roma e di estrazione cattolica , dopo essersi laureato in giurisprudenza all’Universita la Sapienza, è stato ufficiale dell’Aeronautica Militare Italiana, dove ha frequentato il corso di alta specializzazione della difesa aerea. È stato giornalista professionista e giornalista parlamentare redattore de Il Settimanale; conduttore in Rai del Gr1; responsabile della redazione romana de Il Giornale. È stato inviato speciale in Libano, Unione Sovietica e Somalia.

Il passaggio alla politica a seguito della conoscenza con Silvio Berlusconi. Tajani infatti risulta essere uno dei fondatori di Forza Italia, coordinatore regionale del partito nel Lazio e portavoce del Cavaliere, nel governo Berlusconi I del 1994-95. Sconfitto alle elezioni per il parlamento nazionale nel 1996 nel collegio di Alatri e quindi da Walter Veltroni per la corsa a sindaco di Roma nel 2002, Tajani ha decisamente più fortuna in Europa. Approdato a Strasburgo nel 1994, è eletto eurodeputato ed è uno degli artefici dell’ingresso di Forza Italia nel gruppo Ppe, di cui diventerà vicepresidente nel 2002.

Rieletto costantemente al Parlamento europeo, nel 2008 abbandona Strasburgo per prendere il posto di Frattini nella Commissione Barroso I, di cui diventerà vicepresidente e titolare ai trasporti, supervisionando il salvataggio di Alitalia e promuovendo la carta dei diritti dei passeggeri aerei.

Nel 2009 entra nel gabinetto Barroso II e passa all’Industria e al Turismo. Di questi anni è la battaglia, vinta, contro la chiusura della fabbrica della Tenneco a Gijon, in Spagna, che gli valse il nome di una strada della città asturiana.

Nel 2014, dopo la volontà del governo Renzi di puntare su Federica Mogherini per il ruolo di Alto rappresentante, abbandona la Commissione. Rimane in Europa, rieletto ancora a Strasburgo per Forza Italia. Due anni e mezzo fa l’Eurocamera lo elegge primo vicepresidente con un record di voti.

Ieri l’elezione alla presidenza dell’Europarlamento.

Riguardo l'autore

Super User

Scrivi un commento