Giustizia Quotidiana

Al via mercoledì il processo contro la famiglia Spada

Scritto da administrator

Prenderà il via mercoledì mattina, presso l’aula bunker del carcere di Rebibbia il processo alla famiglia Spada di Ostia. Il capo d’imputazione è di associazione a delinquere di stampo mafioso, per ventisette imputati che andranno a giudizio immediato. Gli altri 5 arrestati all’alba lo scorso 25 gennaio subiranno invece un procedimento ordinario. 

Alla sbarra ci sarà il boss Carmine, detto Romoletto, con il cugino Armando, e il fratello Roberto, quest’ultimo tristemente famoso per il gesto di violenza che perpetrò ai danni del giornalista di Nemo, Daniele Piervincenzi. Il procedimento è lo sbocco giudiziario dell’operazione “Eclissi”, condotta dalla polizia e dei carabinieri contro il racket dei clan ostiensi. Il tribunale competente è quello della terza Corte d’assise, mentre la pubblica accusa sarà formata dai pm Mario Palazzi e Ilaria Calò. Il materiale probatorio è sconfinato e contiene diverse incercettazioni telefoniche e ambientali, oltre alle dichiarazioni di cinque collaboratori di giustizia. 

Secondo quanto si legge nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Simonetta D’Alessandro, «il progetto criminale era finalizzato a rimarcare con metodi tipicamente mafiosi un vero e proprio controllo del territorio». A processo dunque andrà Carmine Spada, che secondo gli inquirenti è «capo, promotore e vertice dell’organizzazione». 

Oltre all’imputazione per associazione a delinquere di stampo mafioso, i pm ipotizzano molti altri reati: omicidio, estorsione, usura, detenzione, porto di armi e di esplosivi, incendio e danneggiamento aggravati, traffico di stupefacenti e attribuzione fittizia di beni. Perno delle tesi dell’accusa sarà l’agguato che secondo i magistrati portò il clan Spada al comando, in cui morirono Giovanni Galleoni e Francesco Antonini, uccisi sette anni fa in un bar della zona. 

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento