Plaisir de vivre

Al Bano, fedelissimo di Putin, messo sulla lista nera da Ucraina

Scritto da administrator

Il ministero della Cultura ucraino ha inserito anche il cantante italiano Al Bano nella lista delle persone, ritenute una minaccia alla sicurezza nazionale. La blacklist è stilata dal ministero della Cultura, sulla base delle richieste del Consiglio di Sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina, dei servizi di sicurezza ucraini e del Consiglio della Tv e radio nazionali. Nell'elenco, pubblicato sul sito web del dicastero, ci sono al momento 147 persone. 

Al Bano Carrisi e Romina Power erano molto popolari in Urss negli Anni '80 e '90 e continuano ad esibirsi in Russia. La Russia è considerata dall'Ucraina un Paese occupante, per via dell'annessione della penisola della Crimea, avvenuta nel 2014, con un referendum non ritenuto legittimo dalla comunità internazionale.

Ed è arrivata anche la replica di Al Bano alla notizia: «Io una minaccia per la sicurezza dell'Ucraina? Ma figuriamoci: io sono una persona normale, che canta. Non ho mai fatto politica». Ad Al Bano viene rimproverata la sua pubblica ammirazione per Putin e il cantante ribatte «se qualcuno merita di essere nominato in positivo io lo faccio» aggiungendo subito che «non ho mai fatto neanche una dichiarazione contro l'Ucraina. Io porto canzoni di pace e non di guerra e non a caso il brano 'Libertà' è stato inserito tra quelli di maggior successo proprio in Ucraina». «Anni fa mi successe qualcosa del genere con l'Azerbaijan: Avevo cantato in una città armena senza sapere del vecchio conflitto tra i due paesi, ma non avevo cantato contro l'Azerbaijan, avevo solo cantato in Armenia. Poi ci ciano chiariti e ora sono amato anche in Azerbaijan. La mia coscienza, allora come oggi, è libera tranquilla, non ho mai fatto o detto niente contro l'Ucraina. Mi hanno chiesto in tutte le parti del mondo perché vado in Russia e ho sempre risposto che vado perchè mi chiamano per cantare, come è normale; poi sulla Russia dico quel che penso senza volere offendere o criticare altri paesi. Passerà anche questa, ci chiariremo, non vedo l'ora di incontrare l'ambasciatore dell'Ucraina in Italia per capire meglio».

Riguardo l'autore

administrator

Scrivi un commento