Today

7su7/La rassegna d’autore SPIN

adult-1850223 1920-kwrF-U11001524397012EPD-1024x576LaStampa.it -755x515
Scritto da Super User

adult-1850223 1920-kwrF-U11001524397012EPD-1024x576LaStampa.it -755x515

 

Prime pagine 

 

Bioetica, “Figli di due papà”. Sentenza a Trento sull’utero in affitto: non serve l’adozione

 

Pd, scoppia il caso tessere

 

Eutanasia, Mattarella: nessun malato deve sentirsi dimenticato

 

Zero tasse per 12,2 milioni di italiani

 

Trump taglia i diplomatici e attacca Obama

 

Bce, stretta sul rischio derivati

 

Marra e Scarpellini in aula: tremano i politici

 

 

Eutanasia

Piero Colaprico nel suo reportage su Repubblica racconta l’ultimo viaggio testimonianza del dj: “L’ultimo viaggio di Dj Fabo non passa nella sua Milano. Dalla Svizzera le sue ceneri voleranno in India.

 

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, è intervenuto sulla vicenda di dj Fabo, sostenendo che «ognuno di noi riceve la vita, non se la dà e questo è evidente. Pertanto ne siamo dei servitori, ma senza potere mai dominare la vita nostra e tanto più degli altri». Ieri intanto  Marco Cappato, che aveva accompagnato dj Fabo in Svizzera, si è autodenunciato. Ne scrive Avvenire.

 

Claudia Guasco sul Messaggero racconta del nuovo caso di eutanasia in Svizzera che ha coinvolto un altro italiano: “Lunedì sera Gianni Trez, 65 anni, malato di tumore, era nella hall dell’albergo dove avrebbe trascorso la sua ultima notte. Dj Fabo era morto da poche ore, lui lo avrebbe subito seguito la mattina successiva”.

 

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, intervistato dal Manifesto: «Ho aiutato dj Fabo, processatemi. Aiuterò anche altri al suicidio. Altre due persone seguite da noi hanno già appuntamento con la clinica di Zurigo. L’Italia sappia che continueremo finchè non saremo fermati.»

 

Politica

Sono nati ieri i gruppi di Camera e Senato di Articolo 1 – Movimento democratico e progressista. I 37 deputati e i 14 senatori siederanno nelle aule parlamentari alla sinistra del Pd. I capogruppo eletti di Camera e Senato sono rispettivamente Francesco Laforgia e Maria Cecilia Guerra. Le priorità del nuovo movimento saranno i nodi voucher e sicurezza. Lo Stesso Alfredo D’Attorre si prepara alla battaglia sul Def: «Non si può procedere a colpi di bonus e privatizzazioni». Ne scrive Monica Guerzoni sul Corriere della Sera.

 

In casa Pd scoppia il caso tessere. Anna Laura De Rosa su Repubblica: “Decine di persone si sono messe in coda a Miano, quartiere popolare di Napoli per ricevere le tessere gratis nell’ultimo giorno utile per l’iscrizione in vista del congresso. A Castellammare di Stabia oltre cento tessere sono state acquistate online con la stessa carta di credito. A Bagnoli registrato un boom sospetto”.

 

Alessandra Longo su Repubblica intervista il ministro della Giustizia Andrea Orlando, attualmente in corsa per la segreteria del Pd: «Soltanto io posso tenere unito il Pd. Emiliano è un populista. Se un sms ha rilevanza penale si va in procura non dai giornali». E su Renzi: «Il segretario non ha riflettuto sulla sconfitta al referendum del 4 dicembre».

 

Massimo Giannini nella sua analisi, sempre su Repubblica, definisce la prossima fase politica come un ”percorso a ostacoli” per il premier Gentiloni, riportando anche le parole di Renzi: «A naso, direi che a questo punto si andrà a votare nel 2018. Quindi il governo non ha più alibi. Deve governare, e governare bene».

 

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti intervistata da Gianluca Di Feo su Repubblica: «Nasce il Pentagono italiano. Comando unico e risparmi, così cambiano le Forze armate. Sorgerà a Centocelle nella periferia di Roma, con tutti i vertici. Siamo pronti a rivedere le spese militari come chiede l’America, ma con un piano sostenibile».

 

Secondo Francesco Cramer sul Giornale Silvio Berlusconi, leader di Fi, sta sondando i leghisti per creare un nuovo asse moderato, provando ad arginare le ambizioni leaderistiche di Salvini: «Serve un vero federatore». E si incontra in gran segreto con Zaia. Anche Brunetta sulla stessa linea: «Si tratta solo di non litigare tra noi, ci sono grandi prospettive».

 

Avvenire sottolinea la tendenza di questa legislatura di moltiplicare i gruppi parlamentari a causa delle scissioni politiche o delle espulsioni. Ha iniziato Marino Mastrangeli, senatore M5S, espulso nel 2013.

 

Economia

Vertice tra la Vigilanza di Francoforte e 68 banche: sotto esame i modelli interni e i titoli di “livello 3”. Alessandro Merli (Sole 24 Ore): “La Bce mette sotto esame i modelli interni delle banche dell’eurozona, oggetto di controversie negli ultimi mesi. La vigilanza Bce intende anche sottoporre a stress test gli istituti per misurarne la vulnerabilità a uno shock sui tassi di interesse. Ieri riunione a  Francoforte con i vertici di 68 banche che utilizzano i modelli interni per calcolare i requisiti di capitale”.

 

Secondo quanto riporta Mario Sensini sul Corsera, sono stati 12,2 milioni gli italiani che nel 2016 non hanno versato tasse. Su 11 milioni di beneficiari dei bonus da 80 euro, 1 milioni e mezzo lo ha restituito.

 

Continua ad accelerare l’inflazione in Italia. A febbraio la crescita dei prezzi ha raggiunto l’1,5%: è l’aumento maggiore dal marzo 2013. Su base mensile l’aumento è dello 0,3%. Sulla crescita hanno pesato i rincari di carburanti e alimentari. Ne scrive Roberto Iotti sul Sole.

 

Esteri 

Giuseppe Sarcina sul Corriere riporta le parole di Donald Trump al Congresso Usa: “Il presidente annuncia più risorse al Pentagono, tagli al Dipartimento di Stato. E accusa Obama di pilotare le proteste contro di lui. Poi rivede la linea sugli immigrati”. 

 

Flavio Pompetti sul Messaggero riporta la reazione di Putin e del Cremlino alla notizia del potenziamento del Pentagono da parte di Trump: “Mosca sta perdendo la pazienza con l’amministrazione Trump. Lo stato dei rapporti tra i due Paesi è al punto più basso dai tempi della Guerra Fredda, ma le speranze di cambiare corso non sono ancora tramontate. Il giorno dopo l’annuncio di aumento straordinario del bilancio del Pentagono, alti funzionari del Cremlino e della Duma si sono levati a condannare il riarmo”.

 

Caso Abu Omar, L’ex agente Cia De Sousa non sarà estradata in Italia. Il presidente Mattarella concede la grazia parziale: con lo sconto di pena l’ex 007 evita il carcere.

 

Il Papa intervistato  da “Scarp de’ Tenis”, mensile della strada, progetto editoriale della Caritas Italiana: «Proviamo a metterci nelle scarpe degli altri, anche se può risultare molto faticoso. A un primo livello possiamo dire che la gente preferisce pensare ai propri problemi senza voler vedere la sofferenza e le difficoltà dell’altro. L’accoglienza va unita alla virtù della prudenza. Migranti e senzatetto hanno bisogno di integrazione». L’intervista è riportata da Avvenire.

 

Bioetica

Sentenza senza precedenti a Trento: per i figli nati dall’utero in affitto non è necessaria l’adozione. È la notizia di apertura dei principali quotidiani nazionali. Elena Tebano (Corriere della Sera): “I gemellini hanno due papà. I bambini sono nati in Canada sei anni fa grazie alla maternità surrogata che nel Paese è permessa solo in forma altruistica, non commerciale, ed è equiparata ad una donazione di organi. I padri sono due cittadini trentini regolarmente registrati come genitori dalla Superior Court of Justice canadese. La Corte d’Appello di Trento ha dunque stabilito che era illegittimo il rifiuto dell’ufficiale di stato civile trentino di aggiungere sull’atto di nascita dei due bambini anche il nome del papà non biologico. Per il giudice «Non si è genitori soltanto per i geni»”.

 

Sulle stesse pagine intervista a Nichi Vendola: «Questa ordinanza mi fa sperare. È una finestra sulla vita. Io amo mio figlio alla follia ma per lo Stato non è ancora mio. Eppure è un impegno fisico travolgente, una forma d’amore di una radicalità spiazzate».

 

Il Giornale commenta la notizia con un articolo di Claudio Risè che definisce il nostro tempo “L’era della post-famiglia”.

 

Giustizia

Sembra si stia per mettere il punto al primo capitolo dell’affaire Marra. Il braccio destro della Raggi e l’imprenditore Scarpellini saranno in aula per il giudizio immediato. Ne scrive Valentina Errante sul Messaggero: “Sergio Sarpellini e Raffaele Marra andranno direttamente a processo per corruzione. La difesa non ha convinto: che quei 367mila euro arrivati sul conto della moglie di Marra, utilizzati per acquistare un appartamento a Roma, fossero solo la restituzione di un prestito non è sembrato credibile”.

 

È stato respinto dalla Cassazione il ricorso di Silvio Berlusconi contro il settimanale britannico The Economist per l’articolo pubblicato il 26 aprile 2001 nel quale si dava un giudizio negativo sull’idoneità del leader di centrodestra a rivestire il ruolo di premier. Ne scrive la Stampa.

 

“Viaggio nella Corte che deve decidere sulla corsa politica di Berlusconi”. Titola Angelo Allegri il suo reportage sul Giornale: “Il ricorso del leader di Fi contro la legge Severino è affidato alla Prima sezione. Della Corte per i diritti umani. Ne fanno parte molti giudici ‘italiani’ per studi e cultura. La sentenza in autunno”.

 

Alitalia

Nicola Lillo sulla Stampa analizza la situazione Alitalia: “Due giorni per decidere il riposizionamento di Alitalia che passa attraverso il piano industriale. Una manovra che include tagli consistenti e aumento dei ricavi per far ripartire il motore della compagnia aerea: lunedì atteso il via libera del consiglio di amministrazione”.

Riguardo l'autore

Super User

Scrivi un commento