Today

7su7/La rassegna d’autore SPIN

manifestazioni-russia-04
Scritto da Super User

manifestazioni-russia-04

 

Prime pagine

 

La manovra economica allo studio del governo divide il Pd e i ministri tecnici

 

Repressa una manifestazione a Mosca

 

Timeline Brexit: 700 giorni di trattative per arrivare al divorzio

 

Merkel annichilisce Schulz nella Saar

 

Difende la fidanzata in un pub, pestato a morte dal branco ad Alatri

 

Tir, travolge un cantiere in autostrada. Uccisi due operai, arrestato l’autista

 

Ferrari da sogno, risorge in Australia dopo un anno e mezzo deludente

 

 

Politica

Renzi chiede l’assegno Ue per i disoccupati. A valorizzare questa posizione del leader Pd è soprattutto il Messaggero.

 

Sul Corsera, Marco Galluzzo scrive della critica all’austerità europea da parte del leader Pd e per contro delle critiche di Letta che sostiene Andrea Orlando.

 

Nelle stesse pagine, Enrico Marro illustra la situazione della politica economica: Def entro il 10 aprile e poi la manovra bis: ecco i punti di contrasto tra il partito di Renzi e i ministri senza tessera.

 

Fausto Carioti introduce ai pensieri dell’uomo che consiglia Berlusconi, Sestino Giacomoni. Su Libero.

 

Il Quotidiano Nazionale pubblica un’inchiesta sui privilegi del Trentino alto Adige, tra stipendi dei consiglieri regionali e fondi statali pro capite quattro volte più alti della Lombardia. A firma Rosalba Carbutti.

 

Il Fatto Quotidiano persevera nella campagna anti minzolini con un pezzo a firma Carlo Tecce.

 

Carmelo Lopapa scrive su Repubblica quello che molti pensano e che forse è anche vero. C’è un’ipotesi nel futuro di Carlo Calenda: diventare protagonista del centrodestra.

 

Sul Fatto Quotidiano, Sara Manfuso (compagna di Alfredo D’Attorre dichiaratasi recentemente sostenitrice Pd) incassa l’endorsement di Pietrangelo Buttafuoco.

 

Votazioni Pd

Primi dati dai circoli: Renzi al 64%, Orlando al 29%. Ne scrive Alessandro Trocino sul Corsera.

 

Economia

Il Sole sottolinea come a spingere le Star-up, complici anche i fondi europei, ci siano in prima linea le Regioni: sono più di 100 gli incentivi locali per l’avvio di un’attività.

 

Roberto Perotti su Repubblica spiega perché dovremo andare avanti ancora per molto con sprechi e diseconomie: «risparmi, tagli, poltrone e un ritardo infinito. Ecco perché è impossibile ridurre le società partecipate».

 

Il palazzo non sarà granché ma anche il popolo ci mette del suo: il Messaggero scrive degli strafalcioni delle aspiranti maestre. Il 79% non riesce a superare il concorso nel Lazio.

 

Riguardo l'autore

Super User

Scrivi un commento