E' finita con la morte di cinque persone l'attacco compiuto oggi da un uomo armato con un coltello contro agenti della polizia francese nella prefettura sull'Ile-de-la Cité, nel cuore di Parigi. Secondo quanto riporta Le Figaro, l'aggressore, probabilmente anche lui agente amministrativo della prefettura, è stato ucciso dal fuoco degli agenti, diversi poliziotti sono rimasti feriti. I morti sarebbero almeno cinque, compreso l'assalitore. Gli inquirenti sembrano escludere il movente terroristico e tendono a «privilegiare la pista di un conflitto interno», come riferiscono fonti citate dall'emittente Bfm-tv. Ma secondo fonti citate da LeFigaro, si potrebbe trattare di «una vicenda sentimentale». Per il segretario generale del sindacato di sicurezza interna francese, Jean-Marc Bailleul,citato da Bfm-tv, l'accoltellatore può essere stato colto «da un raptus di follia».

L'uomo che ha ucciso a coltellate nella prefettura di Parigi 4 persone prima di essere abbattuto a colpi d'arma da fuoco aveva vent'anni d'esperienza e nessuna segnalazione. Lo ha riferito Loic Travers, segretario della sezione Ile-de-France del sindacato di polizia d'Alliance, citato da Le Parisien. L'aggressore era un agente amministrativo alla Direzione generale d'intelligence: secondo una fonte citata da Le Figaro, aveva 45 anni, era nato a Fort-de-France ed era portatore d'handicap.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, è giunto intanto al commissariato di Parigi sull'Ile-de-la-Cité, per «testimoniare del suo sostegno e della sua solidarietà all'insieme del personale», dopo la morte di quattro poliziotti uccisi a colpi di coltello da un loro collega funzionario della polizia: è quanto riferisce l'Eliseo. Al momento, Macron conferma la partecipazione, questa sera, all'atteso dibattito con oltre 500 cittadini sulla riforma pensionistica a Rodez, nel sud della Francia, che aveva già dovuto rinviare la settimana scorsa a causa della morte dell'ex presidente Jacques Chirac.