Prima pagina

 

Rimborsi, lo scandalo scuote il M5S

 

Macerata, rimosso il questore

 

Scandalo in Grecia: milioni ai ministri per far alzare il prezzo dei farmaci Novartis

 

 

Politica

Panico per i vertici del M5S mentre la cifra dei soldi non restituiti aumenta sempre di più: sarebbero 1,4 milioni. Di Maio promette di «cacciare le mele marce», intanto anche il senatore Buccarella si autosospende. Ne scrivono tutti.

 

Il questore di Macerata Vincenzo Vuono è stato rimosso dal suo incarico. A causare la rimozione, l’inadeguata gestione del traffico di droga, i problemi per la manifestazione di Forza Nuova e l’incertezza per quella antifascista. Ne scrive Bonini su Repubblica.

 

Il resto della coalizione di centrodestra isola la Meloni sulla questione del direttore del Museo Egizio di Torino. Salvini specifica che valuteranno i manager in base al risultato, per Brunetta non sono cose che interessano alla gente. Ne scrive Amedeo La Mattina sulla Stampa.

 

 

Giustizia

L’Anm ha precisato ieri in una nota che non sarà previsto per le toghe il divieto di utilizzare i social network, ma sta valutando di estendere le norme del codice etico. Ne scrive il Dubbio.

 

Sono in corso le indagini per individuare l’uomo che ha pestato il carabiniere alla manifestazione di Macerata. Due aggressori sarebbero stati già individuati. Ne scrive Chiara Giannini sul Giornale.

 

 

Economia

Su Repubblica, il professor Roberto Perotti analizza i costi dei programmi economici dei partiti. Oggi è il turno di quello del M5S. Secondo Perotti, il costo totale del programma sarebbe di 108 miliardi, il 4,5% del Pil, con un disavanzo di 63 miliardi.

 

Sale l’allarme in Europa per i Bitcoin. Eba, Esma ed Eiopa hanno avvertito i consumatori sull’alto rischio di perdere il denaro. Lo segnala Vito Lops sul Sole 24 Ore.

 

 

Esteri

È morto in carcere uno dei più noti ambientalisti iraniani, Kavous Seyed Emami, che era stato arrestato lo scorso 24 gennaio. Alcuni dei più importanti professori universitari del Paese hanno scritto al governo Rouhani chiedendo un’inchiesta autonoma sulla morte. Ne scrivono diversi quotidiani.

 

Scandalo mazzette in Grecia: Novartis avrebbe pagato tangenti a ex premier e ministri per far alzare i prezzi dei farmaci. Sotto accusa anche il commissario Ue Avramopoulos. Duro Tsipras: «Nessuna immunità ai corrotti». Ne scrive Livini su Repubblica.

 

Per lo scandalo sessuale che ha coinvolto Oxfam, si è dimessa la numero 2 della Ong, Penny Lawrence. Lawrence si è assunta «la piena responsabilità per la reazione inadeguata della struttura» in risposta al comportamento dei collaboratori e dei dirigenti, che avrebbero frequentato delle prostitute durante le missioni umanitarie ad Haiti e in Ciad.