Prima pagina

 

Renzi: «80 euro alle famiglie con figli». Sfida a M5S e Lega su fake news

 

Berlusconi: «Il nostro candidato premier? Potrebbe essere il generale Gallitelli

 

Spari e agguati, a Ostia torna la guerra fra clan

 

Rischio pensioni: servirebbero 88 miliardi in più

 

In Polonia l’orrore nero delle forche esibite in piazza

 

Belluno prima in qualità della vita

 

 

Politica

Sulla Stampa, Francesca Schianchi riporta l’annuncio fatto dall’ex premier Matteo Renzi alla Leopolda: «Gli 80 euro vanno estesi alle famiglie con figli». Il segretario dem sfida grillini e Lega sulle fake news: «Report ogni 15 giorni sulle schifezze che girano in rete».

 

Su Repubblica, Roberto Petrini nota giustamente che per le famiglie già esistono 11 norme diverse: “La proposta del segretario Pd potrebbe costare fino a 6-7 miliardi. Gli esperti chiedono invece di razionalizzare le troppe agevolazioni”.

 

Intanto Silvio Berlusconi, come riporta il Messaggero, ha annunciato a sorpresa che il premier italiano, in caso di vittoria del centrodestra alle prossime elezioni, potrebbe essere Leonardo Gallitelli, ex comandante dei carabinieri, di 69 anni, a riposo dal 2015.

 

Intanto in una lettera al Corsera, Luigi Di Maio spiega - in modo ben poco originale - che “se l’Italia non ha partiti eversivi è grazie al M5S”.

 

 

Cronaca

A Ostia è guerra tra clan. Quattro giorni dopo la gambizzazione di Alessio Ferreri, nipote del boss locale Terenzio Fasciani, sabato notte cinque colpi di pistola sono stati esplosi contro l’abitazione di Silvano Spada, cugino di Roberto, l’uomo arrestato per la testata al giornalista. Un secondo assalto a un’altra abitazione a Via Forni, “quartier generale” del gruppo Spada. Ne parla Mauro Evangelisti sul Messaggero.

 

 

Economia

La web tax all’italiana è stata approvata con il voto unanime della commissione Bilancio del Senato. La  misura prevede un’imposta al 6% sulle transazioni digitali e ha l’intento di tassare i ricavi dei giganti del web come Google e Facebook. Saranno gli intermediari finanziari, quindi le banche, a operare come sostituti di imposta e trattenere il 6 per cento di ogni operazione. Critico, come riporta Nicola Lillo sulla Stampa, il deputato Sergio Boccadutri, responsabile Innovazione del Pd: «Il problema è che l’intermediario finanziario non sa la causale della transazione. Come fa una banca a capire se si tratta di una transazione relativa a servizi digitali? E se eventualmente si guardasse dentro all’operazione ci sarebbe una violazione della privacy». Sulle ricadute sui colossi del web: «Le grandi aziende potrebbero recuperare quanto perdono alzando i prezzi».

 

Federico Fubini sul Corsera sottolinea che ogni anno la spesa per le pensioni pubbliche supera i contributi versati di 88 miliardi di euro: la differenza viene colmata grazie alle tasse e al deficit pubblico. L’Italia è anche il Paese dove le pensioni costano di più in Europa (15,7% del Pil).

 

“Cause finite”, titola in prima pagina il Quotidiano Nazionale: per effetto della riforma Fornero e poi del Jobs Act, nel quinquennio 2012-2016 il numero di cause di lavoro per licenziamento è crollato del 65-70%.

 

 

Società

E’ Belluno la città italiana con la migliore qualità di vita. Lo riporta la consueta indagine del Sole 24 Ore che misura il benessere economico e sociale delle province italiane. Sul podio Aosta (vincitrice nel 2016) e Sondrio. In coda Caserta, Taranto e Reggio Calabria. Arretrano Milano (8°), Roma (24°) e Torino (40°).

 

 

Esteri

A Katowice, in Polonia, sabato sera alcuni militanti di estrema destra hanno mostrato delle forche con le fotografie di sei eurodeputati dell’opposizione contrari alle nuove misure polacche sulla giustizia, bocciate dal Parlamento europeo in quanto liberticide. Repubblica riporta la notizia con preoccupazione in prima pagina. Il commento di Goldkorn: “E’ la prova di quel che sta avvenendo nel Paese”.

 

Il vicecapo delle Guardie rivoluzionarie iraniane, il generale Hossein Salami, ha avvertito che se l’Europa minaccerà Teheran i pasdaran aumenteranno la portata dei loro missili oltre i 2.000 chilometri. Una distanza che metterebbe a rischio la Grecia e persino la Puglia. Ne parla, tra gli altri, il Giornale.

 

Il Papa arriva questa mattina a Yangon, in Birmania, e per la terza volta dall’inizio del suo pontificato visita Paesi dell’Estremo Oriente. Il Papa, come scrive Andrea Tornielli sulla Stampa, arriva in un Paese segnato da tante contraddizioni e dal caso dei Rohingya, etnia musulmana negata e perseguitata.