Il Parlamento ha dato il via libera alla missione di supporto navale alla guardia costiera libica per contrastare l'attività degli scafisti nel Mar Mediterraneo.
La missione non parte, però, sotto i migliori auspici. Le navi italiane hanno infatti ricevuto le minacce di uno dei due leader al potere in Libia, il generale Kalifa Haftar, uomo forte del governo di Tobruk. Secondo quanto riportato dall'emittente araba Al Arabiya, Haftar avrebbe dato l'ordine di bombardare le navi italiane che dovessero sconfinare all'interno delle acque territoriali libiche.

La notizia arriva dopo poche ore dalla dichiarazione del Parlamento di Tobruk, fedele a Haftar, con cui era stata espressa l'opposizione all'operazione navale italiana. Secondo il Parlamento di Tobruk, il premier di Tripoli, Fayez Sarraj, riconosciuto dalla comunità internazionale, avrebbe violato la sovranità nazionale libica concludendo l'accordo con il governo italiano.