Un bambino di tre anni è morto in una nazione occidentale, la nostra, per una banale otite. Per quale ragione è morto?
Ci sono forse aspetti da approfondire, ma il motivo di fondo è che ci sono sempre più persone che inseguono guru e fantasie e lo fanno a rischio e pericolo purtroppo non soltanto loro. Tante chiacchiere sull’innalzamento generale della cultura e assistiamo invece giorno dopo giorno a chi si affida ai santoni, come ai tempi di mamma Ebe. 

Quante volte sentiamo dire «sono contrario al cortisone», «sono contraria agli antibiotici», per non parlare della recente nuova moda di genitori degeneri che, in spregio della scienza e della dura e drammatica realtà, si dicono anche «contrari ai vaccini». 
Ebbene, lasciate la scienza medica ai medici, agli esperti. E non fate battaglie ideologiche insensate sulla testa dei vostri figli. «Denuncerò il medico», dice il nonno del bambino morto per un’otite nel 2017. Denuncerà anche i genitori di suo nipote? Suo figlio e sua figlia?
Basta con le scemenze pericolose. Diamo valore alla scienza e finiamola con questi approcci che farebbero inorridire anche uomini del medioevo.⁠⁠⁠⁠