Prime pagine

 

May a sorpresa chiede il voto: elezioni anticipate l’8 giugno

 

Usa, spara e uccide vicino a una chiesa

 

Incubo terrorismo sul voto francese

 

Report e i vaccini, Lorenzin accusa. E il M5S fa muro

 

L’Italia che crolla, giù un altro cavalcavia

 

 

Salute

La trasmissione Rai “Report” finisce nella bufera dopo la puntata di lunedì dedicata al vaccino contro il Papilloma virus. La

​ ​

Società italiana di virologia accusa: «E’ stato commesso un grave atto di disinformazione». Anche il ministro della Salute Lorenzin attacca e scoppia il caso politico. La notizia è su tutti i quotidiani nazionali. Ne scrive tra gli altri, Michele Bocci su Repubblica.

 

Antonio Polito sul Corriere della Sera commenta la notizia: “Il vaccino è di destra o di sinistra? Ci sono molti modi con cui la politica può giocare sulla pelle della gente. Ma questo surreale spettacolo, in cui persone del tutto ignoranti della materia discettano di virologia, è il peggiore”.

 

Il disegno di legge sul testamento biologico, atteso in Italia da otto anni, riprende oggi il suo percorso a Montecitorio. Sono previsti due giorni di dibattito prima del voto finale. Restano da discutere un centinaio di emendamenti. Ne scrive la Stampa.

 

Esteri

Theresa May annuncia: elezioni anticipate l’8 giugno. È la notizia di apertura dei principali quotidiani nazionali. La premier britannica convoca il voto anticipato per “arrivare uniti alla Brexit”. La leader inglese, in vantaggio nei sondaggi cerca un mandato pieno e scommette sul declino laburista. Corbyn: «Noi siamo pronti». La sterlina perde il 2,46%. Ne scrivono, tra gli altri, Paola de Carolis (Corriere della Sera), Andrea Bonanni (Repubblica) e Alessandro Sallusti (Il Giornale).

 

La decisione della leader conservatrice è commentata dall’ex premier britannico Tony Blair sul Corriere della Sera: “Theresa May ha indetto le elezioni politiche per due ragioni. Anzitutto, lo stato della leadership laburista si offre da bersaglio così ovvio che sarebbe un gesto di straordinaria abnegazione politica l’esimersi dal lanciare la sfida all’opposizione. Secondo, May capisce bene che è il «momento più propizio per vincere il mandato di ‘Brexit significa Brexit, noto anche come ‘Brexit a ogni costo’»”.

 

Oggi il Premier Gentiloni sarà a Washington per il suo primo incontro faccia a faccia con il presidente Trump. Un’occasione unica per entrambi di ribadire l’importanza del rapporto tra Usa e Italia e per riaffermare l’importanza strategica della Comunità europea da parte del neo presidente americano. Davide Tritone sulla Stampa spiega come “Gentiloni può influenzare Trump”.

 

Sventato attacco jihadista in Francia: Due giovani francesi, entrambi schedati come radicali, volevano colpire i candidati all’Eliseo. Sono stati arrestati a Marsiglia. Ne scrive Francesca Pierantozzi sul Messaggero

 

Sinai, attaccato dall’Isis il monastero di Santa Caterina d’Alessandria. Ucciso un poliziotto, diversi feriti. Davide Frattini sul Corsera.

 

Politica

Su Repubblica Goffredo De Marchis svela gli umori dell’ex premier Renzi, il quale sembra confidare in una larga affermazione ai gazebo, sfruttando anche l’effetto May: «Vinco le primarie, poi subito al voto. È inutile attendere il 2018». Ma per ora raccoglie solo dei no.

 

Di tutto altro avviso i sondaggisti, secondo i quali l’affluenza ai gazebo per le primarie Pd del 30 aprile sarà in netto calo rispetto alle ultime edizioni: verso i 2 milioni. Ne scrive brevemente il Corsera.

 

Secondo quanto riporta sul Giornale Fabrizio de Feo, il leader di Fi, Silvio Berlusconi, ha ricompattato la coalizione per le comunali, raggiungendo l’accordo con Lega e Fdi da Parma all’Aquila: «Abbiamo dimostrato che diamo valore all’alleanza e lo facciamo con i fatti».

 

Arturo Celletti e Luca Mazza su Avvenire intervistano il leader M5S, Beppe Grillo: «Io non uso il mio mestiere per convincere. Sono semplicemente Beppe Grillo. Con le mie passioni, con i miei limiti, con le mie intuizioni. Lascio che tutto traspaia ed emerga per come è, evitando di vivere nell’enorme vergogna di ciò che ero prima di essere un politico. Un comico può permettersi di fingere, un politico no. Noi vinceremo e governeremo. Sarà naturale».

 

Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della sera si chiede “quali siano esattamente i privilegi dei ‘politici’” messi sotto accusa dalla furia incessante del Movimento 5 Stelle: “La polemica dei Cinquestelle non nasce in alcun modo da un’esigenza di ‘eguaglianza’ o perlomeno di una ‘giusta misura’. Il suo obiettivo non sono i privilegi, sono i privilegiati, e tra questi solo quelli di una particolare categoria, i ‘politici’, per l’appunto. Ma circa i privilegi di cui godrebbero i ‘politici’ non ci dicono mai quali sarebbero”.

 

Economia

Il Fondo monetario internazionale boccia l’Italia. Nel suo rapporto World Economic Outlook prevede per il 2017 e il 2018 un Pil a +0,8%, riducendo così le stime del governo e confermando la nostra economia come la più lenta dell’Ue. Migliora invece il debito. Replica il Tesoro: «Il problema è strutturale. Avanti con le riforme». Ne scrivono Baroni e Sempirini sulla Stampa.

 

Dopo l’annuncio a sorpresa della premier May, si è verificato un forte disorientamento sui mercati. La Borsa di Londra è risultata la peggiore in Europa (-2,46%), male anche Milano (-1,67%) e Parigi (-1,59%). Balza la sterlina, passata da 1,25 a 1,28 sul dollaro. Ne scrive il Sole 24 Ore.

 

Valentina Conte su Repubblica fa il punto sulla manovrina di correzione dei conti pubblici da 3,4 miliardi: “Iva, Voucher e investimenti. Tutto ancora in alto mare. Rischia di slittare oltre il primo maggio l’introduzione dell’Ape sociale”.

 

Giustizia

Inchiesta Consip, l’ex premier Renzi chiede chiarezza: «Si è aperta un’ulteriore indagine che ipotizza il falso da parte di un pubblico ufficiale  nella gestione delle indagini. Quel falso è grave e riguardava anche me. Allora ero presidente del Consiglio pro tempore. Sarà doveroso fare totale e piena luce sulla vicenda». Ilaria Sacchettoni sul Corriere della Sera.

 

Oggi il Csm decide come affrontare il caso dei falsi verbali su Tiziano Renzi. È scontro tra procure: «Non indaghiamo sui pm, ma un faro sugli abusi». Ne scrive Sara Menafra sul messaggero.

 

L’Italia che crolla

Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata sulla strada sottostante: distrutta un’auto dei carabinieri ferma per un posto di blocco. I militari hanno udito degli scricchiolii e si sono allontanati. Non c’erano auto in transito sul viadotto. È il terzo crollo in cinque mesi. Ne scrive Alessandro Fulloni sul Corriere della Sera. Marco Ruffolo su Repubblica chiede “verità sui ponti che crollano” e si interroga sullo “stato di degrado in Italia della gestione della cosa pubblica”.

 

Alitalia

Umberto Mancini sul Messaggero intervista il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda: «Il referendum Alitalia sarà l’ultima chiamata. Se l’accordo tra i sindacati e l’azienda fosse bocciato, resta solo il fallimento».

 

Telecomunicazioni

L’Agcom si è pronunciata: Vivendi non può concentrare il controllo di Telecom Italia con il controllo di Mediaset. La società francese ora si riserva il ricorso al Tar e all’Ue. Ne scrive Roberta Amoruso sul Messaggero.