Il primo passo per curare una malattia è l’informazione. Lunedì 11 giugno al giardino dell’Istituto Superiore di Sanità si parlerà di sclerosi multipla, tra corretti stili di vita, terapie, riabilitazione, diritti, turismo accessibile e molto altro. L’iniziativa si svolge all’interno delle celebrazioni dei 50 anni di Aism – Associazione Italiana Sclerosi Multipla – e in collaborazione con l’Istituto superiore della sanità. Undici saranno gli stand tematici allestiti per l’occasione, arricchiti da poster scientifici, video, supporti multimediali e materiali informativi gestiti da ricercatori, neurologi, volontari di Aism.

Nello stand dedicato alle donne verranno affrontate, con il supporto di ricercatori, medici e psicologi, tematiche incentrate sulla sessualità, la vita di coppia, la maternità e l’allattamento. Un altro stand sarà rivolto alla nutrizione perché un’adeguata alimentazione può aiutare a combattere la sclerosi multipla, come anche il sole e la vitamina D, mentre si parlerà di quanto il fumo possa influenzare la progressione della malattia allo stand dedicato. Studi scientifici hanno dimostrato che una buona attività fisica può ridurre la sintomatologia in persone con patologie neurodegenerative e svolgere allo stesso tempo una funzione neuro protettiva.