Il tanto agognato cambio di passo del governo Draghi sembra essere arrivato: "A un anno di distanza dobbiamo fare tutto il possibile per la soluzione della crisi. Sappiamo come farlo, abbiamo 4 vaccini sicuri e efficaci, ad aprile arriva anche Johnson&Johnson. L'obiettivo è vaccinare quante più persone possibile nel più breve tempo possibile". È questo il messaggio di fiducia che il neo-premier ha voluto dare al Parlamento, in vista del Consiglio Europeo in programma domani: "Siamo già all'opera per compensare il ritardo di questi mesi. L'accelerazione della campagna vaccinale è già visibile nei dati. Nelle prime tre settimane di marzo la media delle somministrazioni è stata pari a 170mila dosi al giorno, più del doppio della media dei due mesi precedenti. Il nostro obiettivo è portare il ritmo a mezzo milione al giorno". "Accelerare con la campagna vaccinale è essenziale per frenare il contagio, per tornare alla normalità e per evitare il sorgere di nuove varianti", sottolinea Draghi. 

Poi, con un occhio ai prossimi obbiettiva da calendarizzare, ha aggiunto: "Mentre stiamo vaccinando è bene cominciare a pianificare le aperture. Noi stiamo guardando attentamente i dati sui contagi, ma insomma se la situazione epidemiologica lo consentirà la scuola aprirà in primis, anche nelle zone rosse. Cominceremo a riaprire le scuole primarie e la scuola dell'infanzia anche nelle zone rosse allo scadere delle attuali restrizioni, ovvero speriamo subito dopo Pasqua".

La missione del nuovo esecutivo è chiara: riportare il Paese alla normalità entro l’estate, per poter poi avviare a pieno ritmo il processo di rasamento economico, fatto di investimenti e lavoro, nel segno della green economy e dell’Europa.