Gary Cohn, il consigliere economico di Donald Trump, ha rassegnato le sue dimissioni. Cohn, fautore del libero mercato, non ha accettato la scelta del presidente americano di introdurre nuovi dazi doganali sulle importazioni di alluminio e acciaio. Trump con un tweet ha fatto sapere che a breve verrà nominato un nuovo consigliere economico.
 

Cohn meditava di lasciare l’amministrazione già dopo la reazione tiepida di Trump alla manifestazione neonazista di Charlottesville.

 Il capo dello staff della Casa Bianca John Kelly ha commentato questa ulteriore defezione nell’amministrazione, affermando che Cohn "ha prestato servizio per il suo paese con grande onore”.