Le Iene hanno pubblicato sul loro sito un servizio sui falsi rimborsi da parte dei parlamentari del Movimento 5 Stelle Andrea Cecconi e Carlo Martelli, che per questo motivo sono stati costretti ad annunciare che in caso di elezione rinunceranno all'incarico. 

Nel servizio, di cui i giornali già parlavano da alcuni giorni, Filippo Roma ricostruisce il metodo con cui i due parlamentari sfuggivano al rimborso, riuscendo comunque a risultare regolari sul sito "tirendiconto.it": Cecconi e Martelli, che rispettivamente non hanno versato 21mila e 76mila euro, facevano un bonifico al fondo del M5S, salvo poi ritirarlo entro 24 ore. In questo modo, avevano comunque una copia del bonifico da poter presentare per sembrare in regola.

Nel servizio, una fonte anonima, che sostiene di essere un ex attivista del M5S, dice che potrebbero esserci altri parlamentari del Movimento 5 Stelle, almeno dieci, ad aver usato la stessa tecnica.

Cecconi (deputato) e Martelli (senatore), che sono considerati molto vicini a Luigi Di Maio, capo politico del M5S e candidato Presidente del Consiglio, saranno costretti a firmare un documento che li impegnerà, in caso di elezioni, alle dimissioni, che tuttavia dovranno essere autorizzate da un voto della Camera di appartanenza.

Il servizio sarebbe dovuto andare in onda nella puntata del programma di domenica sera, ma - secondo le indiscrezioni - sarebbe stato bloccato per la legge sulla par condicio.