Con l’estate arriva la voglia di mare e vacanza ma bisogna fare attenzione al caldo per evitare disidratazione e colpi di calore. Contro ondate di calore certamente la scelta migliore è evitare di avventurarsi per le strade assolate nelle ore più torride della giornata. Se potete, evitate di uscire di casa tra le 11 e le 17 mentre se dovete uscire proprio in quelle ore coprite la testa con un capello chiaro di cotone e indossate occhiali da sole, portate con voi una bottiglietta di acqua ma anche uno spray di acqua termale da vaporizzare su viso e gambe per abbassare in poco tempo la temperatura del corpo.

Scappare dai raggi del sole roventi non è però l'unica strategia che si può mettere in atto per affrontare queste giornate. Ci sono alcune regole da seguire per vivere al caldo in sicurezza e con tranquillità.

Curare alimentazione e idratazione. Per favorire il benessere dell'organismo è fondamentale fornirgli tutti i nutrienti di cui ha bisogno, acqua inclusa. In estate le scelte migliori sono quelle che ricadono sui cibi leggeri e ricchi di fluidi come frutta e verdura, ma anche sorbetti e gelati alla frutta, mentre è bene limitare cibi più pesanti. Tra i cibi no da evitare formaggi, insaccati, carne rossa e soprattutto evitate metodi di cottura che rendono i cibi troppo pensanti: evitate fritture e la preparazione di sughi e intingoli. Bere in abbondanza è fondamentale sarebbe meglio non scendere sotto ai 2 litri al giorno. Sono invece da evitare le bevande gassate e quelle troppo dolci. Da limitare anche alcol, tè e caffè in quanto favoriscono la disidratazione. I pasti devono essere leggeri e frequenti: 5 al giorno (colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena)

Fare attività fisica con criterio. Si deve fare attenzione ai colpi di calore che minacciano la salute in caso di esposizione prolungata al sole, magari mentre si gioca sulla spiaggia. Fra i rischi ci sono la disidratazione, cali di pressione e perdita di sangue dal naso. Meglio quindi riservare allo sport le prime ore del mattino o quelle del tramonto, ricordarsi di reintegrare spesso i fluidi e i sali minerali e rinfrescarsi anche bagnando la testa.

Prevenire le “influenze” estive. Meno comuni di quelle invernali, possono funestare le belle giornate con febbre, inappetenza, spossatezza e tosse secca. Attenzione, quindi, ai sintomi, in modo da riconoscerli al più presto.

Fare attenzione agli sbalzi di temperatura. Dannosi per chiunque, ma sono anziani, bambini e chi soffre di patologie croniche a correre più rischi. Il diabete, ad esempio, può ridurre la sudorazione e il senso di sete, esponendo a un maggior rischio di colpo di calore e disidratazione. Preferite abiti in tessuti naturali come lino o cotone che assorbiranno meglio il sudore e permetteranno alla pelle di respirare. Evitate vestiti aderenti e di materiale sintetico che vi farebbero sudare eccessivamente. Preferite il bianco o i colori chiari che rifletteranno il sole.