Mine vaganti, il film del 2010 di Ferzan Ozpetek, grande successo di botteghino e critica (2 David, 5 Nastri d'argento, 4 Globi d'oro) arriva per la prima volta in teatro, diretto dallo stesso Ozpetek, al debutto nella prosa.

In prima nazionale il 19/2 a Roma, tra i titoli di punta della stagione del Teatro Ambra Jovinelli, la commedia è prodotta da Nuovo Teatro e Fondazione Teatro della Toscana con Arturo Muselli e Giorgio Marchesi nei panni dei due fratelli protagonisti, Francesco Pannofino nel ruolo del padre Vincenzo Cantone (che al cinema fu di Ennio Fantastichini) e Paola Minaccioni in quello di sua moglie Stefania.

 «Da grande artigiano quale è - dice il produttore Marco Balsamo - Ozpetek (in questi giorni sul set di La Dea Fortuna) sta ancora lavorando al progetto e probabilmente chiuderemo il cast il giorno prima del debutto».

Tra gli altri titoli in cartellone, I soliti ignoti diretto e interpretato da Vinicio Marchioni, Orson Welles Roast con Giuseppe Battiston, Ambra Angiolini ne Il nodo.