Il commissario Maigret, nato dalla penna dello scrittore belga Georges Simenon, è una figura iconica per i francesi. Il paese infatti si sta preparando alla ricorrenza dei novant’anni dalla prima apparizione del celebre commissario.

Per l’occasione le edizioni Omnibus intendono pubblicare nuovamente in 30.000 copie “Tutto Maigret” (titolo originale Tout Maigret), l’opera magna che comprende 103 romanzi e racconti riuniti assieme in dieci volumi illustrati. Non solo, al cinema uscirà il nuovo film “Maigret e la giovane morta”, dalla regia di Patrice Leconte ed interpretato dall’attore Daniel Auteuil nel panni del commissario. Infine è prevista l’uscita di diversi audiolibri.

Lo scrittore Pierre Assouline, intervistato dai media francesi, è compiaciuto per il rinnovato interesse verso una figura cult dello spettacolo. «Nell'opera di Simenon, non si butta niente – aggiunge - Bisognerebbe cingere la sua opera da una fascetta intitolata 'La condizione umana', e pazienza se il titolo è già preso».