A oltre 70 anni dalla stesura del diario di Anna Frank, sono state scoperte due pagine, scritte il 28 settembre 1942, che la ragazza aveva coperto con un cartoncino marrone. Le due pagine, rivelate grazie alle nuove tecnologie con la collaborazione dell'Istituto Hyugens per la storia olandese e l'Istituto NIOD di studi su guerra, Olocausto e genocidio, contengono alcune “dirty jokes” e degli appunti di educazione sessuale. "Userò queste pagine per appuntare delle barzellette sconce", scrive Anna, che è nel nascondiglio da un paio di mesi. La ragazza parla anche di prostituzione, delle case di Parigi di cui le aveva raccontato suo padre, Otto Frank, unico sopravvissuto della famiglia ai campi di sterminio, che ha salvato i diari e la memoria di Anna.

La scoperta delle pagine occultate, in realtà, è avvenuta nel 2016, quando i ricercatori hanno fotografato il diario originale, che è molto fragile e viene maneggiato il meno possibile.