Grande successo per la passeggiata a Castel d’Asso sulle vie del tabacco per ricordare la baronessa Bianca Maria Hubner, torinese di nascita, ungherese di origine e viterbese d’adozione che, a partire dal 1939, ebbe il coraggio di impiantare proprio a Viterbo “un angolo di Lombardia” in ettari di terreno.
 
La baronessa Bianca Maria Hubner fu autrice assoluta dell’opera di trasformazione fondiaria di circa 500 ettari di terreno a Viterbo in località Vaccareccia e Procoio, diventati in pochi anni Azienda Agricola dell’Arcione per la coltivazione e la lavorazione, tra le altre cose, di aglio per uso chimico e di tabacco.
 
La sua azienda, di circa 500 ettari, trasformò completamente un terreno impervio sul quale trovarono lavoro centinaia di famiglie. Fu una vera e propria trasformazione fondiaria completa: dal terreno alle costruzioni, l’azienda fu dotata di abitazioni, uffici, magazzini per cereali, stalle, rimesse per attrezzi, depositi per carburanti, officina per le riparazioni, tettoie per le rimesse del bestiame, tettoie per lo stendaggio delle foglie di tabacco, impianti di sollevamento d’acqua e rete di distribuzione per uso potabile e irriguo, essicatoi per tabacco con impianti termici, aeroinsufflatori ecc.
 
Un fenomeno socio-economico molto importante per la città di Viterbo che ha interessato la città per diverse decine di anni del secolo scorso.
 
Centinaia di visitatori, durante l’arco dell’intera giornata, hanno visitato la mostra fotografica allestita all’interno dell’azienda agricola Salcini di strada Procoio, degustato i suoi prodotti tipici, e partecipato alla passeggiata fino a Castel d’Asso accompagnati dalla guida turistica Anna Rita Properzi e dal cultore di storia locale Silvio Cappelli.
 
Un’iniziativa a organizzata dall’azienda agricola Gianluca Salcini in collaborazione con Tusciaweb, associazione culturale Take Off e il supermercato viterbese Todis di Morelli.
 
Un dolce ricordo all’attività di coltivazione del tabacco e del relativo fenomeno di emigrazione della manodopera specializzata dal Salento a Viterbo. Per questa sua attività, la baronessa fu anche insignita, dal presidente della repubblica Gronchi, della commenda dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana.
 
Qui la fotogallery dell’evento di Tusciaweb: http://www.tusciaweb.eu/2017/05/castel-dasso-sulle-vie-del-tabacco/