Tornano in Italia i vaccini obbligatori dopo quasi 20 anni.
Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto proposto dalla ministra Lorenzin, che di fatto ristabilisce l'obbligatorietà. I bambini da 0 a 6 anni, dunque, per essere iscritti al nido e alla scuola materna, dovranno essere sottoposti ai 12 vaccini resi obbligatori, pena l'iscrizione. Dalle scuole elementari in poi sono previste grosse sanzioni per i genitori dei bimbi che non sono stati vaccinati, che però comunque potranno frequentare le aule. 
La Lorenzin si è detta piuttosto soddisfatta del decreto: "È
 ovvio - ha spiegato ad Agi la ministra - che vietando l'accesso alle scuole dell'infanzia intendiamo dare un messaggio molto forte alla popolazione e a queste coorti infantili, pensiamo che verra' coperta una larga parte della popolazione italiana. Rispetto alla scuola dell'obbligo - ha aggiunto, riferendosi alla querelle con la ministra Fedeli - ci siamo molto confrontati, ma l'obiettivo del Governo e in particolare del ministero della Salute è aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita dei ragazzi".