Un investimento di 1,5 milioni di euro e 25 nuove assunzioni entro dicembre per lo stabilimento della Algol di Gianluca Salcini sito a Alfianello, in provincia di Brescia. E’ questa l’ultima mossa dell’imprenditore cesenate in controtendenza rispetto alla crisi economica nazionale degli ultimi anni.

Secondo anche quanto si legge sul Giornale di Brescia, che per primo ha riportato la notizia, la ricerca di nuovi operatori è dovuta alla “crescita del servizio di deposito e lavaggio di imballaggi per l’ortofrutta”, nel cui settore l’impresa è leader.

Per fronteggiare le richieste in esubero, Salcini ha infatti acquistato un nuovo impianto di lavaggio che entrerà in funzione entro fine dicembre di quest’anno a fianco di quello installato nel 2012 e che permetterà l’impiego di 25 nuovi addetti che si alterneranno alla supervisione della strumentazione durante tre turni.

Attualmente nello stabilimento di Alfianello si lavano circa 2 milioni all’anno di cassette per l’ortofrutta. Cifra che, con l’insediamento del nuovo impianto, finirà col raddoppiare.

L’azionamento del macchinario, che sarà attivo 21 ore su 24, preannuncia una crescita del fatturato del 15% già dal 2018. L’investimento significativo conferma la volontà dell’azienda di consolidare la propria leadership nel settore, creando lavoro e investendo sulle potenzialità espresse dal territori.

Così Gianluca Salcini: “In questi anni la nostra azienda, grazie ai lavoratori e all’impegno della società, ha saputo imporre solide basi. Siamo riusciti a crescere anche negli anni della crisi e ci proiettiamo con fiducia verso il nuovo anno”.