Negli ultimi mesi il nome di Francesco Bellavista Caltagirone è circolato su giornali e tv più per le vicende giudiziarie (che lo hanno visto sempre assolto) che per i risultati ottenuti nel corso della sua lunga e intensa carriera imprenditoriale. Per sfuggire al (purtroppo) solito meccanismo distruttivo del sistema informativo italiano, vogliamo ricordare le principali tappe della vita dell’“Ingegnere”. 

Nato a Roma il 18 febbraio del 1939, all’interno di una famiglia di costruttori di origine palermitana (le cui prime costruzioni a Palermo risalgono agli ultimi decenni dell'800), Francesco Bellavista Caltagirone compie gli studi in Veneto e dopo una breve parentesi lavorativa nell'attività di famiglia, nel 1962 a 23 anni decide di mettersi in proprio. 

Dal 1962 al 1979 realizza numerose operazioni immobiliari in Italia, spiccando tra i principali imprenditori sulla scena italiana. Dal 1980 al 1989 si fa promotore di molte iniziative immobiliari all’estero, in particolare negli Stati Uniti, Canada, Venezuela e Brasile. Nel 1984 è tra i fondatori di Engeco S.A.M. (Entreprise générale de Construction) con Stefano Casiraghi. Tra gli anni ‘60 e ’90 è protagonista di circa 500 operazioni immobiliari.

Nel 1994 rileva la Società dell’Acqua Pia Antica Marcia, fondata nel 1868 per riportare a Roma l’Acqua Antica Marcia, uno dei più grandi acquedotti dell’antica Roma. La più antica società immobiliare italiana viene riorganizzata attorno a varie subholding, ognuna impegnata in specifici segmenti di business: immobiliare, portuale, aeroportuale e turistico-ricettivo. La società guidata da Francesco Bellavista Caltagirone realizza più di 1.000 progetti immobiliari dal nord al sud Italia.

Nel 1998 nasce Acqua Marcia Turismo, impegnata nel recupero di residenze storiche e nella loro trasformazione in hotel di lusso. Tra questi spicca la catena dei grandi alberghi siciliani (Grand Hotel Exclesior di Catania, San Domenico di Taormina, Grand Hotel et Des PalmesGrand Hotel Villa Igiea, a Palermo, l’Excelsior Palace e il Grand Hotel des Etrangers et Miramare a Siracusa) e il Molino Stucky di Venezia.

Nel settore aeroportuale, il gruppo opera attraverso le controllate ATA Handling e Ali Trasporti Aerei fornendo servizi di handling commerciale e gestendo l’aeroporto privato di Milano Linate.

Francesco Bellavista Caltagirone è stato socio di Compagnia Aerea italiana S.p.A. (CAI), società che controlla Alitalia, ed è stato nel Consiglio d’amministrazione di Alitalia dal 2009 al 2012.

E’ stato membro del comitato esecutivo dell’Aspen Institute, associazione che si pone l’obiettivo di promuovere l’internazionalizzazione della leadership imprenditoriale, politica e culturale del Paese. E’ stato membro del CdA della Banca Popolare di Roma. E’ membro della fondazione Prince Albert de Monaco II, fondata nel 2006 per la tutela dell’ambiente. E’ stato socio, attraverso la Società dell’Acqua Pia Antica Marcia, di Confimmobiliare. Non ha mai ricoperto cariche all’interno della Pubblica Amministrazione.