rassegnaOggi in prima pagina sui quotidiani italiani

 

Ballottaggi in Francia: si ferma Le Pen

 

Caso banche: Renzi attacca

 

Ballottaggi in Francia

 

In Francia si ferma il Front National, dopo il successo del primo turno. Su 12 regioni al ballottaggio, 7 vanno ai repubblicani e 5 ai socialisti. Sia Marine che Marion Le Pen sconfitte. Affluenza in aumento di 9 punti rispetto al primo turno.

 

Montefiori sul Corsera: “Si è fermata l’onda della destra. Ha funzionato la “diga” repubblicana di gollisti e socialisti. La destra conquista sette regioni e quindi può pretendere di aver vinto le elezioni regionali, ma politicamente la posizione non è facile: era chiamata a un successo più chiaro, e soprattutto il suo ruolo di principale forza di opposizione è ormai sempre più contestato dal Front National. Comunque ai Républicains vanno le regioni simbolicamente più importanti: oltre all’Ile-de-France, il Nord-Pas de Calaise-Picardie e la Provenza".

 

Leonardo Martinelli su La Stampa: “Ha funzionato il muro di Valls. Sarkozy vince ma è più debole. L’ex presidente esce fortemente indebolito da questa consultazione, almeno nelle dinamiche interne al suo partito. E in vista delle primarie che l’anno prossimo dovranno scegliere il candidato della destra per le presidenziali del 2017”.

 

Politica

 

Matteo Renzi: <<Sul salva-banche nessun favoristimo. Se si vota, Pd al 40%>>. Il premier chiude la Leopolda: <<Sì all’inchiesta, ma chi strumentalizza i morti fa schifo>>. 

 

Ne scrive Giovanna Casadio su Repubblica: “La stoccata contro chi sta attaccando la ministra Maria Elena Boschi su Banca Etruria e <<strumentalizza la morte delle persone>>, Renzi non la lancia subito ma dopo che alla Leopolda ha già affrontato le questioni di governo e di Pd. Ha spiegato che la rotta politica è il Partito della ragione. Ma la tensione è palpabile. Le accuse di favoritismi sul caso banca Etruria lo mandano su tutte le furie: <<Non abbiamo scheletri nell'armadio>>.

 

Su La Stampa intervista a Totò Cuffaro, ex presidente della Sicilia, libero dopo 5 anni: <<Ho sbagliato ma non rinnego la scelta di stare tra la gente. Politica addio, farò il medico in Burundi. In tanti abbiamo fatto lo stesso errore di conoscere persone che avevano rapporti con la mafia. Io ho pagato, gli altri no>>.

 

Economia

 

Daniela Manca sul Corsera intervista il presidente della Consob Giuseppe Vegas: <<Il governo non ci ha chiamato, abbiamo meno poteri di prima. Faremo controlli, ma queste cose non si risolvono in piazza. Senza poter fare domande e ottenere risposte come si ottiene la trasparenza?>>.

 

Fiorenza Sarzanini sempre sul quotidiano di Via Solferino: “Caso Etruria, parte l’inchiesta. E sul dissesto nuovi accertamenti. Ipotesi di truffa, esposti a Corte dei Conti e Guardia di Finanza”.

 

Giacomo Galeazzi su La Stampa: “<<Il pensionato suicida ha comprato titoli sul mercato secondario>>. Banche al contrattacco: <<I clienti esposti sono mille>>”.

 

Sergio Marchionne intervistato su Repubblica da Paolo Griseri: <<Da Parigi una sfida. L’industria dell’auto rispetterà i limiti. Difficile sfuggire alla logica del consolidamento, ma per arrivare a una fusione con Gm servirà pazienza. Sulle emissioni gli effetti si vedranno dal 2020, ma sarebbe assurdo se ci opponessimo alla riduzione>>.