La Coldiretti, facendo propri i dati della National Climatic Data Centre, ha segnalato i gravi danni suvbiti a livello ambientale dal nostro paese, a seguito del record nei livelli di gas serra registrato quest’anno, il secondo più alto di sempre sul pianeta.

Oltre al dato in sé, la Coldiretti evidenzia come ciò abbia ripercussioni nella nostra vita quotidiana e nelle abitudini alimentari, segnalando come sia per tanto preferibile consumare prodotti locali che non necessitano di lunghi trasporti con mezzi inquinanti, di come l’acquisto presso rivenditori diretti sia preferibile rispetto ai passaggi tramite diversi intermediari diminuendo quindi i passaggi di mano del bene e relativi trasporti,  di come siano da preferire i prodotti sfusi che non consumano imballaggi e di come la frutta e la verdura di stagione sia preferibile alle altre in quanto non consumano energia per la conservazione.

Una serie di indicazioni inserite nel nuovo decalogo “salva-clima” presentato dall’associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana per una spesa sostenibile dal punto di vista ambientale, che consenta di ridurre la dipendenza dal petrolio e tagliare le emissioni di gas ad effetto serra, riducendo gli sprechi e ottimizzando gli acquisti.

Una serie di accorgimenti che possono anche essere proposti a casa, come l’uso di borse biodegradabili o e loro riutilizzo, l’invito alla riutilizzazione degli avanzi ove possibile, invece di gettarli direttamente nei rifiuti, ed effettuare la raccolta differenziata per consentire il recupero di energia dai rifiuti prodotti, sino a prendere in considerazione l’idea di piantare un albero, magari da frutta, nel proprio giardino