Il superindice dell'Ocse (Ica), che cerca di prevedere con 6-9 mesi di anticipo le tendenze economiche future, continua a segnalare un rallentamento della crescita tra le grandi economie mondiali, Usa, Canada Regno Unito ed eurozona, in particolare, Italia e Germania: è quanto riferito oggi dall'organismo internazionale per lo sviluppo e la cooperazione economica. Previsto un rallentamento della crescita anche in Giappone. La Francia mostra invece dei «segni di stabilizzazione della dinamica di crescita, per effetto di un miglioramento della fiducia dei consumatori, delle immatricolazioni e auto e del rallentamento dell'inflazione. Simili segnali sono emersi in Cina».